Descrizione di S. Zeno 

Va precisato che già prima dell’arrivo di S. Carlo, esisteva nella nostra parrocchia l’oratorio di S. Zeno, come ci attesta il LIBER di Goffredo da Bussero fin dal XIII secolo, facendo accenno non solo al santuario, ma anche ad un altare dedicato a S. Pantaleone.   Si legge infatti testualmente nel Liber: “Calugo Ecclesia sancti Zenonis (...) Notate quod in Mediolanensi Diocesi habet altare [sancti Patalimonis] in Ecclesia sancti Zenonis de Carugo plebis de Marliano”.

Dobbiamo però attendere il XVI secolo per avere il primo documento descrittivo della chiesa, redatto in occasione della visita pastorale del 1566, fatta da Padre Leonetto Chiavone, su incarico dello stesso S. Carlo Borromeo, che la presenta oscura, senza pavimento, coperta di tegole, con un solo altare, senza paramenti, senza alcun reddito, quasi sempre chiusa, in quanto solo sporadicamente vi si celebra la messa, ma con un particolare per noi insolito: il cimitero aperto.

Diverse sono le ipotesi sul perché della sua esistenza, tenuto conto che davanti alla chiesa di S. Bartolomeo i documenti confermano sistematicamente la presenza del cimitero parrocchiale: a) potrebbe trattarsi di un camposanto preesistente a quello parrocchiale b) potrebbe essere il luogo per la sepoltura  riservata ai benefattori di lasciti o di Messe legatarie del santuario c) potrebbe configurarsi come un cimitero d’emergenza, quando le frequenti epidemie e pestilenze del passato mietevano vittime innumerevoli, complici le carestie, le guerre, la mancanza di norme e di terapie igienico-sanitarie adeguate.

Quest’ultima ipotesi ci sembra quella più verosimile, in quanto confermata da un documento, in cui, per precisare l’ubicazione di S. Zeno, si fa riferimento ad “un luogo isolato, dove sono sepolti i morti così detti dal contagio”.

Dobbiamo notare però che, nonostante la rustica semplicità della costruzione, l’oratorio di S. Zeno non è in rovina (come invece S. Martino inferiore), tanto che S. Carlo non impone alcun decreto particolare, a riprova della predilezione dei Carughesi per il santuario già nel lontano XVI secolo.

Leggi tutto...

IMG 20151217 110941 CopiaLe tre campane installate sul campanile della chiesetta dedicata alla Madonna di S.Zeno sono di antica manufattura. Infatti la più antica risale all'anno 1649 (come risulta dall'incisione in rilievo sulla stessa campana) e dovrebbe essere la stessa che fu rimossa dalla vecchia chiesa parrocchiale demolita (ora Piazza Repubblica). Le altre due campane invece risalgono all'anno 1767.

 

Login

Orario

Appuntamenti

Gio 2 Lug 21:00 -
Incontro Genitori ragazzi della Cresima di Carugo

Ven 3 Lug 21:00 -
Commissione “Verso l’Unità”

Sab 4 Lug 18:30 - Sab 19:15
S.Messa
Ritornare a Messa nella fase 2, ...
Dom 5 Lug 08:00 -
SS.Messe ore 8:00 - 11:00 - 18:30
Ritornare a Messa nella fase 2, ...
Lun 6 Lug 21:00 -
Incontro Genitori ragazzi della Cresima di Arosio

Mar 7 Lug 21:00 -
Incontro Genitori ragazzi della Cresima di Carugo

Sab 11 Lug 18:30 - Sab 19:15
S.Messa
Ritornare a Messa nella fase 2, ...

Calendario

Ultimo mese Luglio 2020 Prossimo mese
D L M M G V S
week 27 1 2 3 4
week 28 5 6 7 8 9 10 11
week 29 12 13 14 15 16 17 18
week 30 19 20 21 22 23 24 25
week 31 26 27 28 29 30 31